sabato 31 maggio 2014

Pane di Campagna di Emmanuel Hadjiandreou


Ciao a tutti!! Finite le foto, si torna con una ricetta, e che ricetta!! Quella di un pane, del maestro Emmanuel Hadjiandreou!!
Ebbene si, mi sono comperata il libro, un giorno di Marzo che vagavo solinga in libreria, dopo avere preso due libri per il compleanno di mia sorella mi sono lasciata tentare e l'ho fatto mio, assieme all' ultimo romanzo della mia scrittrice del cuore, Isabel Allende!! Un libro per cibare la mente e uno per cibare la pancina!!!
Almeno non si offende nessuno!!
Lui usa il Li.Co.Li, io ho la pasta madre solida, la prima volta che ho fatto un suo pane ho usato il convertitore ma mi ha dato dosi secondo me azzardate, troppa acqua, sta di fatto che l'impasto era troppo mollo e io troppo alle prime armi per gestirlo bene.
Risultato? Mi si è attaccato allo strofinaccio e ho strappato il duro lavoro fatto durante la lievitazione, il pane era buonissimo ma con un taglio trasversale nella mollica!!
Visto che era il terzo tipo di pane che provavo, tutti con metodi diversi e tutti con qualche errore, mio marito si è sentito in dovere di intervenire per dare un senso alla mia panificazione per tentativi!!
Ha proposto di scegliere un tipo di pane e di farlo fino a che non fosse venuto bene e senza errori, ok, Silvia, orgogliosa ma ragionevole, se ne è stata e così ha fatto di nuovo il pane bianco di Emmanuel, per il pranzo con i genitori e suoceri (che ci posso fare, amo il rischio!!), un successo, mio padre non credeva l'avessi fatto io, e sinceramente anche a me pareva un miracolo ma non l'ho fatto trasparire!!
Perfetto, non ho variato le dosi di nulla, l'impasto è sempre un po' mollo ma lavorandolo un pochino si aggiusta tutto!
Poi Sabato scorso ho fatto questo pane di campagna, l'unica variazione alla ricetta originale è stata la sostituzione della farina di segale, che non avevo, con altrettanta farina integrale, per il resto tutto uguale! Che buono questo pane, il gusto è favoloso e rimane morbido per un sacco di giorni!! Incredibile!!
L'ho fatto il Sabato e l'abbiamo assaggiato la Domenica mattina spalmato di marmellata di ciliegie (il gruppo d'acquisto ha colpito ancora) home made, fatta anche quella Sabato!!!
La colazione più buona del mondo!!

Eccovi la ricetta per un pane da circa 800 grammi:

250 g di farina per pane, io bio 0 della coop
150 g di farina integrale bio (100 integrale e 50 di segale scura nella ricetta originale)
150 grammi di lievito madre solido a 4 ore dal rinfresco (li.co.li. nella ricetta originale)
300 ml di acqua tiepidina
6 g di sale

Il procedimento è davvero semplice:

In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti secchi (sale e farine) amalgamandoli bene, in un'altra ciotola, adatta a contenere tutto l'impasto, invece sciogliete bene la pasta madre solida nell'acqua. Unite gli ingredienti secchi a quelli liquidi e mescolate bene prima con un cucchiaio e poi con le mani fino a che l'impasto non starà insieme, sarà piuttosto mollo ma non aggiungete farina, deve essere così!!
Lasciate riposare l'impasto coperto per 10 minuti e poi iniziate a lavorarlo tirando una parte di impasto e ripiegandolo al centro, girate la ciotola e rifate la stessa operazione, fino a tornare al punto di partenza. Saranno circa 10 pieghe e ci impiegherete circa 10 secondi.
Coprite e fate riposare 10 minuti. Ripetete questa operazione, pieghe e riposo, per altre 3 volte, vedrete che mano a mano l'impasto inizierà a fare un po' di resistenza, l'ultima volta però lascerete l'impasto riposare e lievitare per un'ora, coperto.
Passato il tempo stabilito, rovesciate l'impasto su una spianatoia ben infarinata e lavoratelo un pochino dandogli una forma a disco. Mettetelo a lievitare in una ciotola (io la rivesto con carta forno e poi prendo tutto e lo metto direttamente sulla teglia per la cottura, così gli evito traumi da appiccico!!) o in un cestino per la lievitazione ben infarinato e lasciatelo al calduccio (io in forno con la luce accesa) fino al raddoppio, ci vogliono dalle 3 alle 6 ore circa, il mio dopo 4 era sul punto di scoppiare!!
Una volta lievitato toglietelo dal forno e accendete quest' ultimo a 240° , mettetevi sul fondo una teglia. Quando il forno ha raggiunto la temperatura, ribaltate o trasportate il pane sulla teglia per la cottura, buttate una tazza d'acqua nella teglia che avete messo precedentemente sul fondo del forno, infornate il pane e abbassate la temperatura a 220°.
Cuocete per 30/40 minuti e comunque fino a che è ben dorato. Fate la prova suono vuoto battendo sul fondo del pane e semmai lasciatelo cuocere ancora il tempo necessario.
A cottura ultimata lasciatelo raffreddare su una gratella!! Tagliatelo solo quando è freddo!! E' dura ma cercate di resistere!!

A prestoooooo!!

Silvia

44 commenti:

  1. Ciao!! complimenti per la costanza vedo che alla fine la tenacia ha premiato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, si, visto!! Bisogna tenere duro, mica si può pretendere di non fare fatica!!!!
      Grazie Ema! Un bacione!!

      S.

      Elimina
  2. Complimenti, un pane stupendo e spiegazioni chiarissime! Da tenere presente per provarlo quando avrò perso almeno qualche chiletto!!
    Un abbraccio
    Chiaretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Mariachiara!! E' stata una battaglia ma alla fine ho vinto!!
      Un abbraccio e buona Domenica!!

      S.

      Elimina
  3. Anch'io come entro in una libreria non riesco a non portarmi a casa qualcosa che riguarda la cucina..hai tutta la mia comprensione U.U se pi questo è il risultato dell'acquisto, direi che hai fatto centro ^_*
    Questo pane è semplicemente perfetto, profumato e bellissimoooooo :_DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, proprio ogni volta no ma se trovo un libro che mi interessa, ecco, difficilmente ce lo lascio!!
      Si, ne avevo sentito parlare e volevo provare, poi ha delle foto troppo belle, ti viene davvero voglia di provare a farli tutti i suoi pani bellissimi!!
      Grazie mille Consu!! Buona Domenica e pure buon Lunedì di festa!!
      Un bacioneeee!!

      S.

      Elimina
  4. Emmanuel è il mio guru...quante cose mi ha insegnato...poi, una volta acquisita la tecnica, ci si può sbizzarrire come si vuole :) Il tuo pane è perfetto...e quella fetta spalmata di marmellata...è li che mi dice : maryyyyyy vieni a prendermi ;) Ti abbraccio ! Felice week-end lungo :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, piano piano la sto acquisendo, l'unica cosa che mi dispiace è di potere fare il pane solo al fine settimana, vorrei fare più pratica!!!!
      Grazie mille cara!! Ti auguro ancora un paio di giorni di completo relax e serenità!!
      Un bacioneeee!!

      S.

      Elimina
  5. Davvero splendido il tuo pane Silvia!!
    Grazie mille per la bella ricetta e la dettagliata spiegazione!!
    Un mega abbraccio e buon fine settimana
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Carmen!! E poi in quel libro ci sono anche molte ricette che prevedono il lievito di birra, sempre a lenta lievitazione però!!!
      Un bacione e buoni due giorni di festa anche a te!!

      S.

      Elimina
  6. Complimenti Silvia devi davvero essere fiera del tuo risultato. Io non l'ho mai fatto il pane con il lievito madre (troppo impegnativo per me che sono sempre di fretta, prendermene cura), ma mia madre si è incaponita e, dopo vari tentativi falliti, mio padre le ha detto "stop non ne posso più di mangiare pane duro!".
    Ottima anche l'idea di farci colazione...piccoli grandi piaceri!
    Bravissima!
    un abbraccio
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io pensavo di non riuscire a curarlo, invece ce la faccio senza troppa fatica!!
      Grazie mille cara, altro che, abbiamo fatto un full immersion nel piacere!!!
      Un bacione!!

      S.

      Elimina
  7. Fantastico, brava Silvia.
    Hai proprio ragione, non bisogna mollare mai e alla fine si è ripagati da cotanta bontà!!
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, alla fine mica si nasce già "imparati"!! Piano piano vedo che tutto migliora quindi W la pasta madre!!
      Grazie mille e un abbraccio!!

      S.

      Elimina
  8. Io non resisto Silvia, assaggio il pane appena uscito dal forno che quasi non riesco a tenerlo in mano! A stento riesco a fare una foto!!!! Buonissimo il tuo e quella marmellata è proprio la morte sua.... bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, ti capisco, ha un profumo incredibile, ti dice proprio assaggiami!! Però cerco sempre di lasciarlo raffreddare, sennò si rovina e dopo ore di lavoro sarebbe troppo un peccato, invece quando faccio la focaccia, beh, lì non aspetto affatto!!
      Un bacione e buon proseguimento di fine settimana!!

      S.

      Elimina
  9. Silvia ho visto le foto di Istanbul, mamma mia che spettacolo!! Io andrò al sud della spagna quest'anno e farò anche io un bel viaggio nell'arte islamica! Il pane, beh la riuscita alla fine è arrivata! Metodico tuo marito! Beh, è bellissimo, sembra davvero un pane da forno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia, abbiamo visto un documentario su Siviglia e Granada, favolose, anche a noi piacerebbe visitarle!! Vedrai che spettacolo!!
      Si, si, il marito aveva ragione, mi conosce, lo sa che quando parto in quarta a volte vado frenata!!
      Un bacione e buon fine settimana lungo!!!!

      S.

      Elimina
  10. che meraviglia questo pane, mi segno la ricetta e ci provo anche io!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che verrà favoloso!!
      Grazie e un abbraccio!!

      S.

      Elimina
  11. Sono in campagna... sto facendo colazione... Mi manca giusto il tuo pane!
    Stupendo!
    V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Finalmente mi è venuto come doveva!!
      Un abbraccio e buona campagna!!

      S.

      Elimina
  12. che meraviglioso aspetto questo pane!! hai fatto bene a comprare il libro, e a tentare ancora.. il risultato questa volta perfetto direi!! ;)
    buon pomeriggio
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale, si, è venuto buonissimo e ho scoperto che fare il pane è una cosa davvero meravigliosa!!
      Un bacioneee!!

      S.

      Elimina
  13. Cosa c'è di più buono di una fetta di pane caldo con la marmellata e poi se è di ciliege..ancora meglio.
    Bravissima.
    Buona giornat.a
    Inco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Inco, si tutto fatto da me, che bella soddisfazione!!
      Un abbraccio e buon pomeriggio!!

      S.

      Elimina
  14. Ha un aspetto meraviglioso!!!! Bravissima!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola!! Un abbraccio e buon pomeriggio!!

      S.

      Elimina
  15. La lievitazione del pane è qualcosa che mi affascina sempre. E com'è bello il tuo pane! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea!! Anche a me affascina un sacco e poi quando il risultato arriva è davvero una soddisfazione doppia!!
      Un abbraccio!!

      S.

      Elimina
  16. Anch'io ho la pasta madre, lo voglio provare!! bravissima, la tenacia paga ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Puffin!! Vedrai che pane stupendo!!
      Un abbraccio e buona settimana!

      S.

      Elimina
  17. Bravo! Un pain magnifique. Il faut absolument que je me mette au levain liquide.
    A bientôt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merci Nadji!!
      Le pain es tres meilleur avec cette levain!!
      Bonne semaine!!

      S.

      Elimina
  18. Bravissima Silvia! La magia del lievito naturale e' proprio quella...resta buonissimo per giorni...benvenuta nel club dei malati di lievito! Ciaoooo a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, si, sai che il fine settimana se non riesco a fare o pane o pizza mi viene un nervoso!!
      Hai detto bene!!
      Un bacione e grazie!!

      S.

      Elimina
  19. Buonissimo Silvia!! Complimenti!!
    Un abbraccione<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Annalisa!!
      Buona giornata!!!

      S.

      Elimina
  20. Fantastica ricetta, grazie per averla condivisa con noi. La farò sicuramente.
    Ti ho trovata grazie a kreattiva e mi sono inserita tra i tuoi followers così ti seguirò meglio.Ciao a presto
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara!!! Mi fa molto piacere, passerò a trovarti così ci conosciamo!!!
      A presto!!

      S.

      Elimina
  21. Sei stata bravissima, lo sai vero? E' venuto benissimo. Anche io ho quel libro, l'ho vinto con uno dei miei pani e ho già fatto molte ricette, tra cui anche questa. Davvero semplice e i risultati sono sempre ottimi. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry!! Detto da te è davvero un complimentone!!
      Si, il segreto è quello, che è semplice!!!
      Un bacione e buona serata!!

      S.

      Elimina

Sappiate che verrò a trovarvi, qualunque commento mi lascerete non passerà inosservato, però per favore non chiedetemi di seguirvi solo per ricambiare, lo farò spontaneamente se il vostro blog mi interessa davvero!! Non dimenticate di firmare i commenti che lasciate, sono più contenta se rispondo ad un nome e non ad un "anonimo" !!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...